STATUE NUDE IN MOSTRA AL MUSEO DELL’ANTICHITA’ DI BASILEA CONTRO LA CENSURA NELL’ERA DEL #METOO

SVIZZERA.

Il Museo dell’antichità di Basilea contro la censura nel mondo dell’arte: nell’epoca del #metoo, in cui alcuni musei (anche provocatoriamente) hanno nascosto i capolavori che mostrano donne nude, quello renano dedica una mostra proprio alla nudità, aperta fino ad aprile.
Lo scopo non è quello di minimizzare il movimento a difesa delle donne vittime di molestie né di relativizzare le discussioni, bensì proprio quello di suscitare un dibattito sul tema e sulle sue conseguenze negative sull’arte. Da che essa esiste, esistono anche i nudi -si vuole sottolineare- e le regole morali di oggi non possono essere applicate a opere antiche per criticarle o peggio ancora celarle agli occhi del pubblico.
La scelta dei pezzi esposti, d’altra parte, non è provocatoria, ma costituita unicamente da statue presenti da anni nella collezione, con al centro una rappresentazione di Afrodite sulla quale viene riprodotto un gioco di luci per farla apparire quasi viva… e poi coperta.

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...